Una scrittura decisa, quella di ELISABETTA TAGLIATI, una penna a inchiostro vivo che defluisce in ampie e colorite espressioni, sempre dettagliate e a tratti poetiche, in cui si concentrano le diverse e articolate tematiche dell’opera. Stiamo parlando di OLTRE L’ABISSO, un romanzo pubblicato nella primavera del 2020 e giunto adesso alla quarta edizione.

Nonostante sia classificato come “onirico”, il testo apre scenari e personaggi realistici, con incursioni nella mitologia celtica che penetra nell’anima e conduce all’incontro di una storia ancora per tanti versi indecifrabile, comunque misteriosa. La fantasia dell’autrice sconfina… va oltre le vicissitudini dei celti, si carica del fascino esoterico e produce protagonisti convincenti che consumano tragedie ed emozioni di cui il mondo odierno non si è mai scollato.

Tali osservazioni offrono gli elementi necessari per considerare l’opera un romanzo non catalogabile nell’unicità stringente di un genere. Men che mai quello fantastico, come apparentemente sembrerebbe dalle ambientazioni e dalla suggestiva cover di Lanfranco Bassi (Frillo).